Centro di informazione, documentazione e orientamento per l'autonomia, l'indipendenza e l'inclusione delle persone con disabilità.
Riconosciuto dalla Regione Friuli Venezia Giulia quale "Presidio di rilevanza regionale" (L.R. 41/96, art 18, comma 2 bis).

Zero gradi di separazione: giornate di formazione sull'accessibilità culturale

Data/ora d'inizio

29

febbraio 2024

Ore: 9.0

Data/ora di fine

02

marzo 2024

Ore: 17.0

Luogo

Spazio 35, Via Caterina Percoto 6, Udine

Il progetto Zero Gradi di Separazione vuole promuovere l’inclusione culturale e facilitare la partecipazione agli eventi performativi (teatro, danza, performance) della regione FVG legati al contemporaneo di persone con disabilità.

Zero Gradi di Separazione vuole essere una visione, l’inizio di un cammino volto a contrastare l’esclusione degli artisti e artiste disabili e facilitare l’accesso del pubblico con disabilità attraverso alcune azioni concrete: percorsi di formazione per operatori, sostegno a produzioni performative inclusive, promozione di strategie di comunicazioni inclusive, tutoraggio di artisti.

 

Formazione degli operatori dello spettacolo dal vivo

Affrontare metodicamente il tema complesso e prismatico dell’inclusione di un’audience con disabilità fisiche-cognitivo-sensoriali richiede competenze e formazione. Per questo Zero Gradi Di Separazione vuole offrire occasioni di sviluppo di competenze e di confronto agli operatori e operatrici del settore culturale della regione FVG attraverso una serie di 3 incontri intensivi di approfondimento curati dal team dell’associazione Fedora.

 

29 febbraio 2024
dalle 14.00 alle 17.00

a cura di Fedora

FORMAZIONE GENERALE
L’accessibilità culturale: cos’è? Quali sono gli approcci?
Cosa ci orienta: policy europee e nazionali
Definizione e modelli di disabilità
Quali barriere per quali pubblici
Quali strategie per abbatterle

 

Relatrici:
Ginevra Bocconcelli
Laureata in Scienze dei Beni Culturali e diplomata in Organizzazione dello Spettacolo dal Vivo alla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi. Formata in progettazione culturale presso la Fondazione Fitzcarraldo e come Esperta in Accessibilità presso l’Istituto ISTRAD di Siviglia. Cofondatrice di Associazione Fedora, ha lavorato come responsabile comunicazione presso MTM-Manifatture Teatrali Milanesi, responsabile produzione presso TvPrato.

Valeria La Corte
Scenografa e progettista della cultura, è co-fondatrice di Associazione Fedora. Negli anni lavora sia per realtà associative in processi di attivazione delle comunità e di produzione teatrale a livello nazionale e internazionale, sia per importanti istituzioni culturali in progetti di ingaggio dei pubblici e accessibilità culturale. Non smette mai di studiare: dopo il diploma in Scenografia e la Laurea Magistrale in Discipline dello Spettacolo ottiene una borsa per lo studio delle politiche culturali francesi; prende parte a diversi corsi di alta formazione sulla progettazione culturale, l’audience development e l’accessibilità; partecipa al Master di II Livello in in Gestione e co-produzione di processi partecipativi, comunità e reti di prossimità di Unibo e Fondazione Innovazione Urbana.

 

_________________________________________________________________

1 marzo 2024
dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00

a cura di Fedora

FORMAZIONE GENERALE e CAPACITY BUILDING

Quali barriere per quali pubblici
Quali strategie per abbatterle  

Esercitazioni pratiche per l’analisi delle barriere e la definizione di possibili strategie di implementazione dell’accessibilità dei progetti dei partecipanti.

Relatrici: 

Ginevra Bocconcelli e Valeria La Corte


_________________________________________________________________

2 marzo
dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00

a cura di Fedora + Ospiti

FOCUS: LA COMUNICAZIONE ACCESSIBILE
Come ne parliamo: linguaggio, comunicazione e strategie di relazione


La comunicazione accessibile si basa su diversi aspetti fondamentali che mirano a garantire l’accesso equo e inclusivo alle informazioni e alle risorse per tutte le persone, indipendentemente dalle loro abilità o caratteristiche individuali. Questo approccio cerca di eliminare le barriere che potrebbero limitare l’accesso a informazioni cruciali, facilità di comunicazione e partecipazione attiva nella società.

Relat*:

Elena Panciera | Elena Panciera, PhD, consulente di comunicazione e formatrice. Da alcuni anni il suo focus è la comunicazione inclusiva, gentile e rispettosa delle diversità.

Mattia Zeno Covolan | Elia Zeno Covolan (lui/they) è un graphic designer, consulente per l'accessibilità e illustratore. È membro di Al.Di.Qua.Artists.
Niccolò Finocchiaro | Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Gorizia, consulente per l'accessibilità digitale

 

Per saperne di più CLICCA QUI.