Centro di informazione, documentazione e orientamento per l'autonomia, l'indipendenza e l'inclusione delle persone con disabilità.
Riconosciuto dalla Regione Friuli Venezia Giulia quale "Presidio di rilevanza regionale" (L.R. 41/96, art 18, comma 2 bis).

Invalidità, accompagnamento e ricovero in ospedale:come fare dichiarazione per non perdere l’assegno - 04/10/2023

L’INPS ha rilasciato una procedura informatica per "dichiarazione di ricovero indennizzato" che permette al cittadino che percepisce l’assegno di accompagnamento di dichiarare un eventuale ricovero con assistenza fornita da un suo familiare o assistente privato, così da non dover vedersi decurtare l’assegno.

 

Generalmente infatti la persona percettrice di indennità di accompagnamento che viene ricoverata per un periodo superiore ai 29 giorni è soggetta ad una sospensaione della prestazione (secondo l'art.1 della legge 18/1980, nrd) dal momento che gli è già stata fornita assistenza nel periodo di ricovero gratuito. 

 

Ma se la struttura sanitaria non ha fornito una "assistenza esaustiva in ordine a tutti gli atti della vita" e il soggetto è stato quindi assistito anche da un familiare o un infermiere privato, il soggetto può dimostrare di avere diritto al mantenimento della prestazione, senza sospensioni o decurtazioni, attraverso il rilascio da parte della struttura di idonea documentazione.

 

In quali casi quindi non viene sospeso l'accompagnamento?

La prestazione non deve essere sospesa:

  • nel caso di soggetto invalido che necessiti dell’assistenza continua di un familiare o di un infermiere privato, per gestire le funzioni biologiche essenziali;
  • qualora la presenza del genitore per l’intera giornata sia assolutamente necessaria per il minore.

 

Come comunicare i periodi di ricovero indennizzato?

Per poter segnalare questo periodi di ricovero “assistito”, il titolare di indennità di accompagnamento (o l’amministratore di sostegno/rappresentante legale) deve presesntare una dichiarazione al termine del periodo di ricovero di durata superiore a 29 giorni.


Per farlo deve accedereal sito www.inps.it con la propria identità digitale (SPID almeno di Livello 2, CIE o CNS) e seguendo il percorso “Sostegni, Sussidi e Indennità” > “Per disabili/invalidi/inabili” > “Dichiarazioni di responsabilità e ricoveri indennizzati”.


L'interessato deve:

  • inserire date di inizio e fine ricovero,
  • allegare alla dichiarazione telematica esclusivamente la documentazione rilasciata dalla struttura sanitaria attestante che la prestazione assicurata non esaurisce tutte le forme di assistenza di cui il paziente necessita per la vita quotidiana.

Non devono essere allegati certificati sanitari, cartelle cliniche o ogni altra documentazione riguardante le patologie invalidanti.

 

Per approfondire si rimanda al Messaggio INPS numero 3347 del 26-09-2023

 

Fonte disabili.com