Centro di informazione, documentazione e orientamento per l'autonomia, l'indipendenza e l'inclusione delle persone con disabilità.
Riconosciuto dalla Regione Friuli Venezia Giulia quale "Presidio di rilevanza regionale" (L.R. 41/96, art 18, comma 2 bis).

Ecografia tattile: anche le persone non vedenti potranno scoprire il proprio bebè ancora in grembo - 15/01/2024

“Un’ecografia tattile per regalare anche ai genitori non vedenti l’emozione di vedere il loro figlio ancora in grembo. ‘Emozione, innovazione e stupore’ sono le tre parole chiave del progetto V3do, creato da Cristian Brunetti, titolare dello studio Fisiolab di Prato”, si legge sui media. 


Brunetti- si apprende- ha perso la vista a 18 anni ma non ha mai smesso di sognare e di pensare in positivo. Ha camminato sui carboni ardenti, è andato da solo in viaggio a Cuba. Insomma, non si è mai posto limiti. E da questo assunto è nato il progetto, che è realtà da cinque anni e che da un anno e mezzo è sostenuto anche da Martina, la moglie di Cristian. Obiettivo: “Far vivere emozioni uniche a tutti i genitori””. 

 

COME FUNZIONA QUESTA ECOGRAFIA TATTILE 
“In sostanza,- spiega l’ideatore alla stampa- grazie a un’ecografia realizzata con un file ad hoc, si riesce a realizzare una scultura del futuro bebè, attraverso appunto la stampa in 3D dell’ecografia. Volevo far sì che anche chi non vede potesse godere di questo momento unico, da riassaporare poi anche quando il bambino diventa grande”. 
“Il miracolo tecnologico avviene grazie a una ecografia particolare: Stl è il nome tecnico. Attraverso il portale https://v3do.it si trova rapidamente il centro ecografico in cui effettuare la speciale ecografia. In tutta Italia ce ne sono 380, di cui oltre 30 in Toscana. Una volta fatta l’ecografia fra il quinto e il settimo mese di gravidanza, basta caricare il file sul sito e pagare: 129 euro il costo della statuetta, in materiale completamente eco-sostenibile, che arriverà a casa in sette giorni lavorativi. A richiederla sono anche molte persone che ci vedono perfettamente”. 

 

Fonte: Superabile INAIL