Centro di informazione, documentazione e orientamento per l'autonomia, l'indipendenza e l'inclusione delle persone con disabilità.
Riconosciuto dalla Regione Friuli Venezia Giulia quale "Presidio di rilevanza regionale" (L.R. 41/96, art 18, comma 2 bis).

Carta Europea della Disabilità e Contrassegno Europeo di Parcheggio: si procede - 17/01/2024

«Accogliamo con favore la posizione ufficiale del Parlamento Europeo sulla Proposta di Direttiva proveniente dalla Commissione Europea nell’àmbito della Strategia 2021-2030 per i Diritti delle Persone con Disabilità, che istituisce la Carta Europea della Disabilità (European Disability Card) e il Contrassegno Europeo di Parcheggio (European Parking Card for persons with disabilities). Il voto unanime della Commissione per l’Occupazione e gli Affari Sociali del Parlamento Europeo, dà infatti piena sostanza alla nostra posizione, che riflette chiaramente le esigenze delle persone con disabilità. Ciò significa anche che ora possono iniziare i negoziati tra le Istituzioni dell’Unione Europea rispetto alla definizione del testo finale»: lo dichiarano dall’EDF, il Forum Europeo sulla Disabilità, ringraziando anche la negoziatrice capo Lucia Ďuriš Nicholsonová e tutti i Deputati del Parlamento Europeo «per avere coinvolto attivamente le organizzazioni di persone con disabilità durante la stesura di un dossier che sostiene concretamente i diritti delle stesse persone con disabilità».

In particolare, i passaggi maggiormente apprezzati dall’EDF riguardano la richiesta che la Carta Europea della Disabilità garantisca l’accesso temporaneo a indennità, sostegno e previdenza sociale negli spostamenti per lavoro e studio, ma anche le disposizioni per accedere al sostegno durante la partecipazione ai programmi di mobilità dell’Unione Europea, nonché la proposta di ridurre i tempi di recepimento e implementazione della Carta, per far sì che essa non debba impiegare troppo tempo per diventare realtà.


«Il testo finale – è l’attuale istanza del Forum, rivolta ai negoziatori del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’Unione Europea – dovrà ora mettere su carta la necessità di adeguati finanziamenti e l’importanza di informazioni quanto più e accessibili possibili, diffuse in diverse lingue, su come accedere ai diversi vantaggi e sconti assicurati dalla Carta».
«Chiediamo un accordo forte e rapido – dichiara Yannis Vardakastanis, presidente dell’EDF – per far sì che le persone con disabilità possano utilizzare queste Carte il prima possibile!».

 

Anche Alessandra Locatelli, ministra per le Disabilità, si è espressa con favore sulla posizione del Parlamento Europeo, augurandosi a propria volta che «adesso, dopo il voto della Commissione per l’Occupazione e gli Affari Sociali, si proceda speditamente anche in Plenaria, per attuare il provvedimento, definendo un documento di riconoscimento uguale in tutta l’Unione Europea e consentendo a tutti e tutte di muoversi liberamente nel territorio dell’Unione stessa».

 

Per ulteriori informazioni: André Felix (Ufficio Comunicazione EDF), andre.felix@edf-feph.org.

 

Fonte: Superando.it